Gestione straordinaria - Amministrazioni Condominiali Adamo

Rag. Giovanni Adamo
Vai ai contenuti

Gestione straordinaria

Gestione lavori straordinari
Questo servizio viene svolto negli edifici ove non è presente l'amministratore. I condòmini danno mandato allo studio di gestire l'amministrazione condominiale (anche in conto terzi) per il solo periodo di effettuazione dei lavori straordinari.
Alla fine del mandato, i proprietari potranno scegliere se continuare con l'amministrazione condominiale, cambiare amministratore scegliendone uno interno oppure sciogliere il condominio chiudendo il codice fiscale.


Per piccole palazzine
L'amministratore prende in carico l'intera procedura per programmare ed effettuare i lavori straordinari richiesti dai condòmini. L'intera procedura è realizzata in collaborazione con studio fiscale, studio ingegneristico e studio tecnico di fiducia.

L'amministratore provvederà a convocare l’assemblea inserendo all’ordine del giorno la deliberazione sulla necessità di approvare i lavori straordinari.
L'assemblea poi discuterà sul punto e approverà l’effettuazione dei lavori straordinari, secondo la maggioranza richiesta dalla legge. Nella delibera di approvazione è importante che siano fornite indicazioni dettagliate sulla tempistica e sulle modalità di effettuazione dei lavori.
In genere per evitare sorprese e valutare in maniera adeguata le offerte presentate dalle ditte appaltatrici, è buona norma far preparare da un tecnico un capitolato dei lavori ed un computo metrico.
In una successiva assemblea verranno discussi i diversi preventivi presentati.
L’assemblea potrà poi deliberare e scegliere uno dei preventivi presentati concordando tempi e modalità di pagamento.
Nel momento in cui l’assemblea approverà la delibera sarà costituito un fondo speciale in cui raccogliere preventivamente le somme ripartite dall'amministratore.
A questo punto, l’amministratore avrà l’incarico di sottoscrivere un contratto di appalto con l'impresa appaltatrice in cui andranno specificati, sulla base di quanto deciso dall’assemblea, i lavori che l’impresa dovrà eseguire, i tempi e modi di realizzazione dei lavori condominiali, le responsabilità per i casi di ritardo o di errori o di vizi nella esecuzione dei lavori.
L’amministratore di condominio avrà, inoltre, l’onere di predisporre tutte le pratiche necessarie per fruire di eventuali detrazioni fiscali con la consulenza di un fiscalista.
Avviati i lavori, l’amministratore, in base a quanto deciso dall’assemblea, provvederà a riscuotere le somme secondo la rateizzazione decisa e a versarle con bonifico nelle casse dell’impresa esecutrice dei lavori.
Il saldo finale verrà corrisposto dopo l’esito positivo del collaudo, attraverso cui verrà effettuata la verifica finale dei lavori straordinari eseguiti nel condominio.

NOTA BENE interpello Agenzia delle Entrate n.325 del 09/09/2020: “In ordine, infine, alla possibilità che il fornitore - nel caso di specie l’impresa venditrice - possa negare il riconoscimento dello sconto in fattura, si fa presente che, come stabilito al punto 1 del predetto provvedimento del direttore dell’Agenzia delle entrate, l’opzione in questione è esercitata dal contribuente che sostiene le spese «di intesa con il fornitore», rientrando tale intesa nelle ordinarie dinamiche dei rapporti contrattuali e delle pratiche commerciali.”

Amministrazioni
Via L. da Vinci n.15
17021 - Alassio (SV)
E_mail per contatti:
adamo67@pec.it
(accetta solo PEC)
Torna ai contenuti